Vai al contenuto

Nonantola Progetto 2030: "Parta il cammino tra chi condivide queste criticità per dare vita a Nonantola ad un'area progressista larga e plurale che rilanci per il nostro paese un progetto chiaro, trasparente e responsabile"

L'autunno, oltre al cambio di stagione, pare abbia portato con sé una novità politica nel nostro comune. La presa di posizione della lista Una mano per Nonantola lascia intravedere la fine dell’illusione, alimentata 30 mesi fa all'atto della formazione dell'alleanza con il PD, che si potesse costruire un'alleanza senza che fossero chiari i presupposti comuni che la caratterizzavano. Le due questioni che vengono oggi poste da Una mano per Nonantola, metodo e merito, sono le stesse che Nonantola Progetto 2030 pose alla base della possibile alleanza del centro-sinistra per governare Nonantola e che non trovò allora soluzione, ragione per la quale oggi siamo all'opposizione.

Ci si rispose allora con accuse pesanti: settarismo, arroganza, volontà di boicottare il centro-sinistra e in particolare di manifestare un pregiudizio personale nei confronti della candidata sindaca. Ma dopo l’insediamento della nuova Amministrazione abbiamo assistito in sequenza a: l'uscita dal gruppo PD dell'ex-segretario; le dimissioni di due assessori di Una mano per Nonantola dopo solo un anno di legislatura con motivazioni pesanti nei confronti della conduzione dei rapporti in giunta e sulle priorità progettuali; la dura nota dei giorni scorsi di una componente essenziale della maggioranza. Tutto ciò rivela una difficile situazione politico-programmatica che non ha precedenti per il nostro comune e si palesa concretamente la possibilità che questa giunta non disponga della maggioranza in consiglio per governare (i sette consiglieri PD numericamente non bastano).

Se siamo arrivati a questo punto di crisi, una qualche ragione e responsabilità ci dovranno pure essere: forse il partito di maggioranza relativa (PD) e l'attuale capo dell'esecutivo (la sindaca) qualche interrogativo dovranno porselo. È mai possibile che sia sempre responsabilità degli altri? tutti settari? tutti arroganti? tutti bramosi di potere?

Trascorsa metà legislatura non ci poniamo più nell'ottica della giustezza delle nostre posizioni - operazione magari gratificante, ma poco interessante sul piano politico - né cerchiamo rivincite politiche o rivendicazioni, anche se ogni tanto un po' di coerenza in politica non guasterebbe. Per Nonantola Progetto 2030, ieri come oggi, la centralità rimane il destino del nostro paese. Vincere elezioni è sempre una parte importante di una competizione elettorale, ma, come abbiamo visto, a volte non basta. Bisogna poter dare senso anche a una vittoria. Progetti, visione per il futuro, indirizzi programmatici, modalità di azione, inclusione, valorizzazione delle differenze sono elementi fondanti dell'agire politico, a maggior ragione se si deve far funzionare una coalizione di forze e soggettività differenti. Su questi aspetti nel nostro comune registriamo ritardi enormi.

Per tutte queste ragioni riteniamo che oggi non bastino più gli appelli ai buoni sentimenti, al vogliamoci bene. Non bastavano 30 mesi fa (il punto a cui siamo arrivati ne è la prova evidente), non bastano a maggior ragione oggi.

A nostro avviso rimangono decisivi oggi come allora:

  1. i modi con i quali si sta insieme fra soggetti diversi, su come si prendono le decisioni, su come si interpretano i diversi ruoli;
  2. i contenuti delle decisioni e quindi l’azione di governo, che devono essere sì ispirati a risolvere i problemi della quotidianità, ma anche proiettati verso un'idea di paese futuro e condiviso;
  3. modi, contenuti e azioni devono essere ispirati alla trasparenza, alla condivisione, all’inclusione e alla partecipazione di tutti gli organi istituzionali e dei soggetti interessati ad agire per la collettività.

In altre parole, chiarezza, trasparenza e responsabilità. A ciò ci siamo attenuti in questi due anni e mezzo di opposizione, che abbiamo fatto sempre nel merito delle questioni. I problemi concreti di metodo e di merito li poniamo oramai da tempo. Al punto a cui siamo oggi, non servono più gli appelli generici che ripropongono ipotesi già viste o già sperimentate e non funzionanti. Per rimettersi in cammino è necessario produrre uno scatto in avanti.

Nonantola Progetto 2030 ritiene che per il nostro comune si debba avviare un cammino che, partendo da tutti quei soggetti che condividono le criticità qui evidenziate e che si riconoscono nell’area progressista, dia vita a un centro-sinistra nuovo e più largo, provando a costruire progetti condivisi, adottando modalità inclusive che mettano a valore le differenze, bandendo posizioni personalistiche deleterie e attivando ascolto e partecipazione. Riteniamo che, da subito, questi soggetti possano produrre atti ufficiali e azioni concrete che rendano credibile il cambio di metodo, per esempio rivedendo completamente le edificazioni previste sul Fondo Consolata e sul PIP Gazzate, prendendo in mano in modo trasparente e partecipato i dossier sul polo socio-sanitario e sulla Casa di Comunità, sulla RSA di Casette, sulla Consulta del volontariato e dello sport, sulla ricostruzione del palazzo comunale, sul Piano Urbanistico Generale, sul parco della Pace, sulla mobilità sostenibile, sul trasporto pubblico locale, sulle nuove piantumazioni, sulla caserma dei Carabinieri, sul decoro urbano in centro storico, sull’edilizia scolastica.

Nonantola Progetto 2030 pensa che tutto ciò sia necessario al nostro paese per provare ad uscire da una situazione davvero difficile.

Abbiamo chiesto – spiegano i consiglieri d’opposizione – di discutere nel prossimo consiglio comunale di fine settembre un nostro ordine del giorno per invitare formalmente il Prefetto, in modo che si possa chiarire finalmente la posizione del Ministero della Difesa e valutare in modo trasparente tutte le soluzioni che potrebbero permettere di mantenere la Caserma sul territorio.

Il Comune di Nonantola conta 16.200 abitanti ed è situato in posizione strategica, trovandosi tra le città di Modena e Bologna, inoltre riveste un’importanza storico-culturale notevole. Tutte le forze politiche d’opposizione presenti in Consiglio Comunale, chiedono a gran voce la permanenza della Caserma dei Carabinieri sul nostro territorio nella modalità più tutelante non solo per la comunità, ma anche per i carabinieri che continueranno a prestare servizio garantendo la sicurezza di tutti i cittadini e il controllo sul nostro territorio.

Bisogna ricordare infatti che dall’ottobre del 2009, l’Amministrazione comunale sapeva del rischio di perdere la sede della stazione dei carabinieri ma nonostante questo, negli anni, si è cercato solo di mettere ‘una pezza’ e non affrontare nel dettaglio ed in modo risolutivo la questione.

Oggi Nonantola, sebbene sia stato realizzato un presidio provvisorio, non ha trovato ancora un percorso per ridare alla città una stazione permanente dei Carabinieri. Per questa ragione – concludono I consiglieri d’opposizione - confidiamo che l’Amministrazione comunale ed il Prefetto accettino l’invito a partecipare ad un consiglio comunale aperto per definire in modo trasparente e risolutivo la questione.

Nonantola Progetto 2030 - Movimento 5 Stelle Nonantola - Forza Italia - Nonantola Libera

Giunti a metà legislatura Nonantola Progetto 2030 fa il punto su diverse questioni che riguardano il nostro paese.

In un documento che stiamo distribuendo casa per casa (che potete anche scaricare qui), troverete le nostre considerazioni e le nostre proposte su:

  • Caserma, palazzo comunale, scuole, piano energetico, piano urbanistico, impianti sportivi, mobilità sostenibile, residenza sanitaria per anziani;
  • La qualità edilizia delle nuove costruzioni
  • Combattere il cambiamento climatico
  • Un ripensamento sul progetto “Fondo Consolata”
  • Alluvione: come contenere i danni
  • Alluvione: la parola al comitato #bastaemergenze
  • Proposte per il potenziamento dei servizi socio-sanitari

Scarica il documento in PDF